Logo arcl 30 anni
feniarco

ARCL: 30° dalla costituzione

Un po’ di storia per conoscerci meglio

In questo mese di maggio 2020 ricorre il 30° anniversario della costituzione della nostra Associazione.
La situazione è surreale, ma la vitalità della coralità, la sua resistenza e la voglia di progettare e di essere comunità è e sarà sicuramente uno dei fattori importanti per rimettere in moto la complessità della nostra società. Avevamo previsto eventi celebrativi della ricorrenza, ma forse la celebrazione più vera e autentica è proprio in ciò che i nostri cori stanno facendo, nelle domande e nei dubbi sul futuro che si pongono e nelle risposte che stanno cercando. A sua volta l’ARCL è impegnata a metterle a fattor comune per aiutarci reciprocamente e disinteressatamente, motivati tutti dalla medesima passione per il canto corale. Onore dunque ai nostri cori ai quali vogliamo dedicare e offrire in questa occasione uno strumento di conoscenza in più per rafforzare il loro senso di appartenenza ad una storia bella, costruita in questi decenni in cui abbiamo cercato tutti insieme di interpretare e inverare i “bei principi” enunciati nel nostro statuto.
Da quando ho l’onore di rappresentare l’ARCL mi sono preoccupato di tenere aggiornato il nostro curriculum, aggiungendo, anno dopo anno, le iniziative e i progetti realizzati. Mi sono presto reso conto che il nostro non poteva essere un curriculum redatto secondo lo “standard europeo”, ma si presentava come un percorso molto ricco su diverse linee di attività. Decisi allora di intitolarlo “ARCL: un po’ di storia” e in tale forma lo presento ogni volta che ci viene richiesto.
Sicuramente per molti nostri associati sarà una piacevole scoperta, per altri, anch’essi numerosi, sarà una piacevole ri-scoperta, e per tutti – sono sicuro – un motivo in più per ricevere e dare senso alle proprie scelte. Buon lettura e lunga vita all’ARCL!  

Un po’ di storia

L'A.R.C.L. (Associazione Regionale Cori del Lazio) si è costituita nel 1990, il 7 maggio. Fondatori i Maestri Domenico Cieri, Piero Caraba e Matteo Bovis. Operativamente agiva già dalla metà degli anni ottanta. Il numero dei cori associati è progressivamente aumentato dai 15 del 1990 agli oltre 100 nel 1997, quota sulla quale si è attestato con lievi fluttuazioni annuali.
La tipologia dei cori iscritti vede un notevole numero di cori misti, cori di bambini e formazioni a voci pari, cori giovanili. Cori associati sono presenti in tutte le province e rappresentano circa 3000 cantori.
E’ iscritta alla FE.N.I.A.R.CO (Federazione Nazionale Italiana Associazioni Regionali Corali), che rappresenta circa 2.500 cori e 120.000 in tutto il territorio nazionale, di cui nel 1984 è stata tra gli enti fondatori.
Ha un Houseorgan, il Bollettino mensile “LazioinCoro” ed ha un sito internet: www.arcl.it


In questi anni di attività l'A.R.C.L. ha operato a tutto campo con iniziative miranti a divulgare ed incentivare la crescita e lo sviluppo qualitativo della coralità regionale, così sono state realizzate varie rassegne corali ed altre iniziative alle quali vanno aggiunte quelle dei singoli cori iscritti, spesso patrocinate dall’Associazione stessa. L’attività della coralità laziale pertanto risulta particolarmente intensa.
L’A.R.C.L. inoltre presta la sua collaborazione ogni qualvolta viene richiesta da enti ed altre organizzazioni per iniziative volte alla divulgazione della coralità e della pratica corale.

CONCORSI

Una particolare attenzione è rivolta ai bambini e alla attività corale nella scuola. Questa attenzione si è concretizzata, già nel 92, nel “Concorso Regionale EGISTO MACCHI" per cori di voci bianche operanti nella scuola dell'obbligo articolato nelle categorie A - Cori CONTINUITA’ fra la Scuola dell’Infanzia e la Scuola Primaria, A1-A2-A3) - Scuola Elementare, B) - Scuola Media.Anche i Cori giovanili operanti nella Scuola Media Superiore sono presi in considerazione: a loro infatti è riservato il “Concorso Regionale GIAN LUCA TOCCHI” istituito nel 1996.
Nel corso degli anni i Concorsi “Scolastici” si sono confermati un punto di riferimento importante per il percorso formativo e didattico per le scuole della Regione, pertanto hanno ottenuto il prestigioso Patrocinio della Regione Lazio e la collaborazione dello stesso ente concretizzato nella concessione del Teatro Olimpico per la cerimonia di premiazione. I concorsi hanno anche il patrocinio della FE.N.I.A.R.CO .
Dal 1996 alcune delle esecuzioni dei cori partecipanti ai Concorsi sono state raccolte in tre CD, dal titolo “Corilandiauno/due/tre”, editi dall’A.R.C.L. relativi ai Concorsi del 1996, 1997 1998, allo scopo di fornire ai cantori ed ai loro direttori un ulteriore mezzo di riflessione e studio. Successivamente si è optato per la registrazione integrale della manifestazione da conservare in archivio, estrapolando e consegnando al termine delle esibizioni le incisioni relative ai singoli cori partecipanti. Tutto il materiale è comunque a disposizione dei cori che ne facciano richiesta per motivi didattici.
I nostri Concorsi Scolastici, offerti gratuitamente al mondo della scuola, non hanno mai avuto battute d’arresto: con perseveranza, anno dopo anno, pur tra molte difficoltà si sono svolti sempre attesi e ricevendo plauso e collaborazione da parte degli Istituti Scolastici coinvolti. E proprio su incoraggiamenti “dalla base”, nel settembre 2014 è stato varato un progetto che rappresenta una implementazione importante della attività ARCL rivolta all’ambito scolastico: il Progetto delle Scuole Partner nella promozione della pratica corale nella scuola. È stato redatto un apposito elenco degli Istituti aderenti, pubblicato nel sito, ed è stata consegnata loro una targa “identificativa” da esporre nelle proprie sedi.
Sempre in tema promozione della coralità scolastica, nel marzo 2019 l’ARCL, in collaborazione con il Conservatorio “O. Respighi” di Latina, ha organizzato la Rassegna di cori scolastici (non competitiva) “IN CORO A SCUOLA”, offerta in modo totalmente gratuito a tutte le scuole del Comune di Latina. La manifestazione si è svolta presso l’auditorium del Conservatorio ed è stata l’occasione per svolgere anche un’attività di “Orientamento scolastico” mostrando agli alunni che intendessero intraprendere gli studi musicali, gli sviluppi curriculari e gli ambienti di studio.

Ancora in tema di concorsi abbiamo avuto il “Concorso Regionale di Canto Corale CITTÀ’ DI VALLECORSA”, riservato a cori operanti nella regione Lazio, organizzato dal Comune di Vallecorsa in collaborazione con l’A.R.C.L., il cui vincitore era ammesso automaticamente al Concorso Polifonico Nazionale “Guido d’Arezzo”. Il Concorso si è poi trasferito a Rieti, con le stesse caratteristiche organizzative e di esito promozionale. Dopo l’edizione del 2001 l’organizzazione del Concorso ha subito una interruzione.

L’esigenza di offrire alla coralità regionale una occasione di confronto, crescita e valorizzazione attraverso un concorso è sempre particolarmente sentita. La disponibilità dell’Amministrazione Comunale di Formello (Roma) ha fornito l’occasione per la ripresa di una tale iniziativa. Nel giugno 2006 si è svolta la prima edizione del “Concorso Regionale di Canto Corale CITTÀ DI FORMELLO”, collegato alla manifestazione non competitiva “Festival Corale CITTÀ DI FORMELLO”.
Dopo 6 edizioni nel 2012 il Concorso ha avuto un anno di fermo, ed è ripreso, con le stesse modalità nel giugno 2013 trasferendosi nella Città di Ardea.
Ma le difficoltà nel reperire la collaborazione delle istituzioni ha di nuovo fermato l’organizzazione del Concorso Regionale, fino al maggio 2017, quando l’ARCL ha deliberato di organizzare la manifestazione in totale autonomia, denominandola "Concorso Corale Regionale" Roma..(anno corrente)” da svolgersi anche in modalità decentrata nel territorio regionale, come era previsto per l’edizione 2020, annunciata per il prossimo 31 maggio presso Palazzo Chigi di Ariccia grazie alla collaborazione dell’Associazione Coro in Maschera (associato ARCL) con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Ariccia.

Importante infine per lo sviluppo della coralità della Regione è stata la collaborazione con alcuni enti locali per l’organizzazione di altri importanti Concorsi che si svolgono nel territorio regionale.

Non è trascurato il repertorio popolare regionale: è stato infatti varato il "Concorso nazionale di elaborazione Corale di un canto della tradizione orale di area laziale": le opere selezionate sono pubblicate, in collaborazione con l’Associazione Culturale Pro Musica Studium, in un fascicolo dal titolo “Canti Popolari del Lazio”. L’auspicio è di procedere ad una seconda edizione.
Così pure la "coralità laziale" ha cominciato presto ad essere documentata concretamente con un cofanetto antologico di 2 CD "Il Canto Corale - Lazio, vol.I", a cui hanno partecipato effettuando le registrazioni 19 cori, realizzato in collaborazione con "Il Vecchio Mulino Produzioni" di Lucca.

ANNUARIO E INIZIATIVE EDITORIALI

Altro prezioso contributo alla coralità dato dall'A.R.C.L. è l'Annuario strumento autorevole di diffusione delle esperienze e di incentivazione a fare sempre meglio. L'Annuario rappresenta un momento di incontro, di confronto e di scambio di esperienze, in esso sono riportate non solo tutte le notizie relative a ciascun coro (organici, direttivi, strutturazione dell'attività, ma anche i repertori studiati e le manifestazioni realizzate). Tutti questi dati vengono poi riproposti in forma sintetica; ne risulta uno spaccato vivo del fermento "corale" della regione: si può vedere "come" e "cosa" il Lazio canta in coro. Negli ultimi anni l’annuario cartaceo è stato sostituito dal Progetto FE.N.I.A.R.CO “Coralmente” che ha realizzato una banca dati della coralità nazionale (divisa per regioni) nel sito della Federazione. (www.feniarco.it)
In quest’ottica vanno iscritte due altre iniziative prese dall’Associazione:
  • L’Archivio Regionale della Musica Corale;
  • Il Centro Internazionale di documentazione della Musica Corale del XX secolo, in collaborazione con l’Associazione Culturale Pro Musica Studium. I due progetti si sono fermati per tutta una serie di motivi, ma la loro validità resta intatta anche se dovrà avere processi e strumenti aggiornati.

In tema di editoria si segnala ancora la pubblicazione di due fascicoli de “La Musica Corale del XX secolo su testo latino e italiano - Contributo ad un Catalogo Europeo”.Il fascicolo “Tecnica vocale” di Carl Høgset, a cura di Giorgio Monari, Amedeo Scutiero e Maurizio Ciaschini.
Interessante anche la pubblicazione di una prima edizione del “Calepino dei compositori per cori di v.b. presenti nel Lazio”, realizzato in collaborazione con Guido Coppotelli e Tullio Visioli.

AGGIORNAMENTO DEI DIRETTORI E CONVEGNI SU PROBLEMATICHE CORALI

L'aggiornamento dei direttori è un aspetto su cui si incentra particolarmente l'attenzione dell'Associazione e a tal fine sono stati realizzati seminari per direttori di coro, che vanno dalla pratica della direzione, alla vocalità, all’analisi musicale.
In quest’ambito l'ARCL, in collaborazione con la FE.N.I.A.R.CO ha organizzato il Corso per direttori di Coro sulla musica corale contemporanea - livello avanzato -. Il Corso è stato tenuto dal M° Gary Graden.
Successivamente (nel 1999) nell’ambito del progetto “Promozione, sviluppo, valorizzazione e divulgazione dell’attività corale e didattico-corale dell’A.R.C.L. nel territorio laziale” realizzato con la collaborazione e il contributo della Regione Lazio – Assessorato alla Cultura, ha dato inizio al Corso per direttori di Coro sulla prassi esecutiva della polifonia dei sec XVI-XVIII a cura del prof Francesco Luisi.
Per l’aspetto “promozione della musica e della pratica corale nelle scuole del Lazio” nello stesso anno ha realizzato due corsi per insegnanti di scuola materna-elementare di 30 h ciascuno tenuti rispettivamente dalla prof.ssa Andrea Horvath sul “Metodo Kodaly” e dalla prof.ssa Marina Mungai.
Nel dicembre del 2000 ha realizzato un Corso per direttori di coro sulla musica moderno-contemporanea tenuto dal M° Carl Høgset.
Nel gennaio 2004 ha realizzato, in collaborazione con il corso di Canto corale, docente Giorgio Monari, per la Laurea specialistica in Musicologia e Beni Musicali della Facoltà di Lettere dell'Università "La Sapienza" di Roma", Dipartimento Storia della Musica diretto dal prof. Pietrobelli, un seminario per direttori di coro sul “Metodo Voicecraft” di Jo Estil, tenuto dalla referente italiana Elisa Turlà. Nel novembre 2005 e del 2006 il corso, è stato riproposto con una altissima affluenza.
Sempre nell’ambito dell’aggiornamento rientra l’accordo di partnership realizzato con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia nella “Stagione del Coro 2003-2004” nel corso della quale il M° Roberto Gabbiani ha tenuto un seminario sulla “Missa Papae Marcelli” di G. P. da Palestrina.
Nell’ambito della stessa partnership con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia l’A.R.C.L. ha curato le introduzioni ai concerti della stagione del coro 2003-04 (“Progetto Palestrina” e “Capolavori Corali del Novecento”) tenute dai Maestri Piero Caraba e Giorgio Monari presso l’Auditorium Parco della Musica.
Nel gennaio 2005 ha realizzato, proseguendo nella collaborazione con il corso di Canto corale, docente Giorgio Monari, per la Laurea specialistica in Musicologia e Beni Musicali della Facoltà di Lettere dell'Università "La Sapienza" di Roma", Dipartimento Storia della Musica diretto dal prof. Pietrobelli, un seminario per direttori di coro sul “Vocalità e direzione nel repertorio corale dell’800 e 900”, tenuto dal M° Carl Høgset, del quale si è tenuta la II annualità nel febbraio 2006 e nel febbraio 2007 si è concluso il ciclo triennale con il seminario sul tema “Come migliorare un coro” a cura dello stesso docente.
Nell’ottobre 2007 ha avuto inizio una collaborazione con il M° Marco Berrini, concretizzata nella realizzazione di un seminario su “La prassi musicale della polifonia romana cinquecentesca”, svolto a Tivoli presso le Scuderie Estensi, la cui seconda edizione si è tenuta nell’ottobre del 2008 nello stesso luogo.Nel 2009 il seminario è stato rinviato per malattia del docente e il ciclo si è concluso nell’ottobre 2010 sempre presso le Scuderie Estensi a Tivoli, concesse, insieme con il patrocinio, dall’Amministrazione Comunale di Tivoli.
Nel maggio del 2008 il prof. Nino Albarosa ha tenuto un seminario sul tema: “Introduzione al canto gregoriano: teoria e prassi” per direttori e cantori. Il secondo appuntamento si è tenuto nell’aprile 2009 presso l’Abbazia di Valvisciolo (Sermoneta, LT) e il terzo nel maggio 2010.
Nel marzo 2009, presso l’Università di Roma “Sapienza” si è tenuto un seminario sul tema “Il coro ben intonato” a cura del M° Dario Tabbia che ha visto la partecipazione di oltre 200 corsisti, tra coristi e direttori. La seconda edizione si è svolta nel febbraio 2010.
Nell’aprile 2010 presso l’Università di Roma “Sapienza” si è tenuto il M° Remo Guerrini ha svolto un seminario sul tema: “La policoralità di scuola romana: i Vespri di P.P. Bencini”, a corredo del progetto di esecuzione degli stessi Vespri con una formazione corale costituita da cori e cantori associati.
Nel 2011 Diego Caravano ha tenuto un seminario sul tema “Cantando vocal pop”, a cui ha fatto seguito il terzo e conclusivo incontro con il M° Dario Tabbia sul tema dell’intonazione corale.
Sempre nel 2011, nell’intento di sensibilizzare e promuovere la pratica della Polifonia Rinascimentale è stato varato un ampio progetto, dal titolo: “Chi ha paura della Polifonia?”, articolato in una serie di quattro tavole rotonde (denominate Incontri polifonici del mio tipo) con varie personalità rappresentative di questo repertorio, e due seminari a cura, rispettivamente, del M° Fabrizio Barchi (“Dal segno al suono”) e dal M° Carl Høgset (“Le linee e il gusto della cantabilità nella Polifonia Rinascimentale”)
Parallelamente si è affrontato il tema della formazione dei direttori, con particolare riguardo alla tecnica della direzione: è stato quindi varato un progetto (su un arco triennale) di seminari dal titolo “Il gesto è già suono” a cura del M° Walter Marzilli. Il primo incontro (2012) ha riguardato la tecnica del “punto focale”, il secondo (tenuto nel 2013) si è incentrato sulle problematiche della direzione di coro e orchestra, il terzo, nel 2014, ha riguardato la direzione del coro con ensemble di ottoni.
Nel 2013 si è attuata la prima iniziativa di decentramento nell’attività di formazione con l’organizzazione a Latina di un seminario sulla “Vocalità corale” curato dal M° Silvana Noschese.Nel 2014 inoltre, in novembre, il M° Gary Graden ha concluso un progetto seminariale incentrato sulla “Musica corale contemporanea” iniziato nell’ottobre 2013 da un incontro di tipo critico-analistico tenuto dal M° Piero Caraba a seguito del quale si è formato un Coro laboratorio Regionale composto da circa 130 cantori dei vari cori associati.
Nel 2015 i “giovani” direttori dell’ARCL Marco Schunnach, Ludovico Versino e Fabio De Angelis hanno tenuto una due-giorni sul tema del Vocal Pop.
Nel gennaio 2016, presso l’Università di RomaTRE oltre 400 partecipanti hanno seguito il seminario sulla Intonazione corale tenuto da Dario Tabbia e Fulvio Zanasi.
Nel 2017, in maggio, è stata celebrata la “Giornata mondiale della Voce” con un convegno che ha visto come relatori Tullio Visioli, Gilberto Scaramuzzo, Annamaria Colombo e Alvaro VatriIl 2018, sotto il profilo dell’aggiornamento, è stato caratterizzato dalla scelta di proporre diverse opzioni in parallelo curate da componenti della Commissione Artistica, con caratteristiche mirate: Sergio Leone ho proposto una serie di incontri con cadenza mensile riservati ai soli direttori incentrati sull’approccio ad una emissione vocale basata sui corretti meccanismi della fisiologia, con una particolare attenzione alla persona nella sua globalità, al “sé cantante”.
Remo Guerrini ha proposto a direttori e cantori tre incontri sulla paleografia musicale.
Marina Mungai si è indirizzata a quei cantori privi di competenza di lettura musicale con una serie di incontri dal titolo Voglio leggere la musica, una iniziativa ancora attiva e aperta a quanti sono interessati.
Parallelamente anche a Latina sono state realizzate iniziative di aggiornamento per direttori e cantori che hanno visto impegnate Roberta Paraninfo e Chiara Chialli, confermando così la possibilità di offrire questo servizio ad una platea il più possibile allargata nel territorio regionale.

Un contributo importante alla riflessione sulla realtà corale in generale e amatoriale in particolare viene fornito dai momenti di studio sollecitati dai seminari e dai convegni che l’A.R.C.L. organizza. Innanzi tutto i seminari contestuali ai concorsi “E. Macchi” e “G.L. Tocchi” in cui i direttori dei cori partecipanti, docenti, membri delle giurie ed esperti animano un confronto sulle svariate problematiche che emergono durante le giornate di competizione.

Nel mese di Dicembre 1997 l'ARCL, in collaborazione con la Regione Lazio, ha organizzato un Convegno sulla Coralità Laziale (con proiezioni su situazioni e problematiche nazionali italiane ed europee) con il corollario di un ciclo di concerti attinenti ad alcuni degli argomenti trattati nel Convegno stesso (Concerti sulla musica corale per l'infanzia e per la gioventù, sulla musica corale del XX sec., sul canto popolare e l'elaborazione corale, sulla polifonia di scuola romana nei sec. XVI-XVIII ecc.).

Nel dicembre del 2000 ha organizzato, presso la Sala del Carroccio in Campidoglio il Convegno sul Canto popolare laziale e la Coralità con la partecipazione di illustri relatori (professori universitari, ricercatori, compositori, esperti del settore) dal quale sono scaturiti spunti e stimoli per la promozione e l’aggiornamento dei repertori corali laziali.

Tra le iniziative nuove introdotte nel 2003 e che si intende consolidare vanno ricordate - la “Giornata di Studi in onore di Domenico Cieri”, (presidente dell’A.R.C.L. fino al marzo 2002, scomparso nell’aprile dello stesso anno) realizzata il che ha visto la presenza di insigni relatori.
Le relazioni sono pubblicate nei “Quaderni dell’A.R.C.L.” e messe a disposizione, come contributo alla riflessione, della coralità amatoriale nazionale.
La manifestazione si è conclusa con un Concerto tenuto da tre cori rappresentativi della realtà corale regionale.Nel 2004, accanto alla giornata di studio sulla Polifonia, è stata organizzata una Rassegna articolata in due serate sullo stesso tema, presso la Basilica di S. Saba e la Chiesa Valdese di Roma.
L’edizione 2005 che si è svolta nel maggio 2006, in concomitanza dei Concorsi per le Scuole è stata incentrata sul tema “Il canto popolare nel XXI secolo”. Gli atti del Convegno, con corredo bibliografico e una introduzione storica, sono stati pubblicati nel dicembre 2008 dalla FE.N.I.A.R.CO , in un volume , curato da Giorgio Monari, dal titolo “Canto popolare e canto corale”.Per l’edizione 2007 (2 giugno) la manifestazione, sul tema “Musica corale contemporanea – In memoriam Ligeti”, la manifestazione è stata ampliata per assumere il profilo di un “Open Day” della coralità regionale, con la proposta una intera giornata articolata nella realizzazione di quattro ateliers da tenere nella mattinata, poi nel pomeriggio la parte delle relazioni sul tema del giorno ed infine i concerti serali conclusivi degli ateliers.
Nel novembre 2008 è stato realizzato un Convegno Internazionale sul tema “Coralità infantile ed educazione musicale” in collaborazione con l’Università degli Studi Roma Tre – Facoltà di Scienze della Formazione. In tale occasione è stato realizzato e distribuito un “Calepino dei compositori per il coro di voci bianche operanti nella Regione Lazio”.In dicembre 2009, per la VII edizione, è in programma un Seminario, organizzato in collaborazione con l’Università di Roma “Sapienza”, sul tema “La didattica della vocalità nella Storia”, primo appuntamento di un progetto sul tema-problema della vocalità che si è avvalso dei contributi di importanti studiosi e specialisti quali Antonio Juvarra e Mauro Uberti.

Nell’ottobre 2007 l’ARCL è stata tra gli organizzatori delle Manifestazioni per il 400° anniversario di Giovanni Maria Nanino a Tivoli, tra cui un importante convegno internazionale.

Sempre in tema di aggiornamento l’ARCL ha sottoscritto un accordo di partnership con la Scuola Popolare di Musica di Testaccio finalizzata alla realizzazione del Corso “Dirigere il coro di voci bianche”. In particolare l’ARCL cura la pubblicazione delle relazioni dei docenti al corso, che viene messa a disposizione on line nel sito dell’Associazione.

Ulteriore spazio di in-formazione su vari temi è rappresentato dagli Incontri Culturali ARCL, realizzati in partnership con la FUIS (Federazione Unitaria Italiana Scrittori) presso la sede delle Federazione, con cadenza mensile, varati nel 2012, nel corso dei quali il M° Piero Caraba ha svolto una relazione sul tema “SIAE, questa sconosciuta”.

RASSEGNE

L’A.R.C.L. collabora alla realizzazione della Festa Europea della Musica fin dalla sua istituzione a Roma. Dal 2003 ha dato vita ad una Rassegna-vetrina della coralità regionale con la Rassegna A.R.C.L. “CORINFESTA” per la Festa Europea della Musica che vede ogni anno circa 30 cori alternarsi in importanti siti centrali nella città di Roma, con una ampia proposta di musica corale.
Nel 2007 si è svolta nel Museo Pigorini, nel 2008 presso il “Museo di Roma”a Palazzo Braschi, nel 2009 presso il sito archeologico dei Mercati di Traiano, nel 2010 e 2011 ancora presso il sito 2012 nel suggestivo cortile restaurato di Palazzo Braschi.
Negli anni successivi l’Associazione non ha mai mancato l’appuntamento con la Rassegna che ha organizzato presso l’Oratorio del Caravita.
Nel 2018 la manifestazione si è “sdoppiata”, coinvolgendo la Chiesa di Santa Maria della Pace (con repertorio di musica sacra) e nel 2019, accanto alle sedi romane (Museo delle Tradizioni Popolari all’EUR e Chiesa Santa Maria della Pace) ha anche coinvolto la città di Alatri.

Importanti iniziative a livello Provinciale sono:
  • La Rassegna “Terrapontina in…canto” che dal 2007 si svolge a Latina, nel mese di aprile/maggio rivolta alla coralità della provincia pontina
  • La Rassegna “CoRIncontro”, rivolta alle realtà corali del reatino, la cui prima edizione si è svolta nel dicembre 2010.

Due interessanti manifestazioni sono state realizzate nel 2005:

  • i “Concerti itineranti a Villa d’Este” a Tivoli (in collaborazione con il coro “Nanino” di Tivoli) che ha visto circa 40 cori esibirsi nel periodo maggio-ottobre.
  • La manifestazione è stata ripetuta nel 2008, nel 2009 ed è stato già diffuso il bando per l’edizione 2010.- la Prima Rassegna “Mille voci per la Basilica” (in collaborazione con la Basilica S. Nicola in Carcere, Roma) con 8 concerti nei mesi di maggio e giugno, ripetuta nel 2006.

Nel 2008, in dicembre, si è tenuta la prima Rassegna con gruppo d’ascolto del progetto “Verso il concorso”, organizzata in collaborazione con l’Associazione Coro Note blu di San Ponziano, in dicembre 2009 la seconda edizione. La stessa formula è stata adottata, con lievi varianti, dal “Coro in Marchera” di Ariccia dal 2013.

Dopo l’edizione sperimentale del 2 giugno 2008, l’”Open Day” della Coralità si è trasformata in un appuntamento atteso e importante. Nel settembre 2009 pertanto si è celebrata, presso l’Oratorio S. Paolo di Roma, la Giornata Corale dell’ARCL”, con l’offerta di 6 atelier e una alta partecipazione, replicata nel settembre 2010.

Nel gennaio 2010 si è costituita la Commissione Giovanile ARCL la cui attività si è concretizzata in due importanti iniziative: Choral Switch (una giornata di studio a più cori che si scambiano i direttori) e la collaborazione nell’organizzazione di VokalFest, raduno della “musica giovanile” in.. birreria.

Nel 2015 sono stati varati due importanti progetti “a più cori”: “Dai Romani per Roma”, un recupero della tradizione esecutiva della scuola romana, con la trascrizione di una messa inedita di Pompeo Cannicciari finalizzata ad una esecuzione nella Basilica di Santa Maria Maggiore per il Natale 2015, a cura di Remo Guerrini, e “La policoralità di Orazio Benevoli”, a cura di Roberto Ciafrei, che ha avuto una prima tappa il 20 maggio nella Chiesa S. Martino ai Monti a Roma.

STAGIONE CONCERTISTICA

Nel gennaio 2013 è stata varata la Prima edizione della “Stagione Concertistica ARCL”, con un cartellone di 6 concerti, per 6 domeniche consecutive, presso la Sala Accademica del Pontificio Istituto di Musica Sacra. Lo scopo è quello di dare la possibilità ai cori di esibirsi in un luogo di prestigio, davanti ad un pubblico eterogeneo quale può essere quello di una città come Roma, inseriti nell’offerta concertistica complessiva della città. Per il 2015 l’invito è stato esteso anche ai cori delle Associazioni Regionali limitrofe.
Nel 2019 è stato inaugurato il progetto “Concerti alla Pace”, concerti di musica sacra, presso la Chiesa Santa Maria della Pace, da tenersi la prima domenica di ogni mese, tra gennaio e giugno, con la partecipazione di tre cori ad ogni appuntamento. Nel 2020 la stagione è stata sospesa dopo i primi due appuntamenti.
Tra le Rassegne “virtuali” (coordinamento di un cartellone Regionale che raccoglie tutti i concerti realizzati dai cori associati nel periodo natalizio) va ricordato il Cartellone Nativitas-Lazioincoro per Natale, che poi confluisce nella pubblicazione omonima nazionale curata dalla FE.N.I.A.R.CO

RINNOVO DELLO STATUTO

Dal marzo 2002 il consiglio direttivo ha inteso dare nuovo impulso alla presenza e all’attività dell’A.R.C.L. nel territorio. Innanzi tutto è proseguita e conclusa la revisione dello Statuto, (approvato definitivamente e registrato nel maggio 2005) volta a riequilibrare la presenza delle province nell’ambito del Consiglio Direttivo stesso, realizzando una maggiore agilità operativa e una maggiore autonomia e responsabilità progettuale a livello locale.
Sono inoltre stati istituiti alcuni organismi informali (non previsti dallo Statuto) vitali per la generazione e la circolazione dei progetti associativi. Innanzi tutto le “Commissioni di studio e lavoro” che studiano e curano la realizzazione di progetti specifici, quali Rassegne, Aggiornamento per direttori, Editoria e Discografia, Annuario, Immagine ecc. Gli altri due organismi sono la Consulta dei Presidenti, che riunisce tutti i presidenti dei cori associati per scambi di opinioni, di informazioni, di esperienze sulla gestione delle realtà corali; e la Consulta dei Direttori, analoga alla precedente ma con contenuti prettamente musicali. Lo scopo è quello di promuovere la circolazione delle idee, il dibattito sui progetti e mettere quindi il Consiglio Direttivo nelle condizioni di impostare una gestione rispondente alle reali esigenze della Coralità associata nel modo più ampio e puntuale possibile.
Le modifiche allo Statuto si sono rese necessarie anche per l’adeguamento ai criteri previsti dalla vigente.
Un altro fronte molto importante nel quale l’ARCL è stata impegnata è stato quello di una proposta di Legge Regionale sulla Coralità Amatoriale, di cui ha curato la stesura ed accompagnato l’iter, conclusosi, finalmente, con la promulgazione della L.R. del 29-12-2014 n 15.
Attualmente l’impegno è rivolto allo studio della nuova normativa che riguarda il Terzo Settore.

ALTRE INIZIATIVE

In quanto appartenente alla Federazione Nazionale (FE.N.I.A.R.CO ) l’A.R.C.L. ha maturato relazioni progettuali con altre associazioni regionali, corroborate da scambi già posti in essere da tempo da singoli cori. Segnatamente le associazioni Regionali corali di Lazio, Abruzzo e Molise, in considerazione della vicinanza geografica, hanno attivato un progetto sperimentale volto a favorire e incrementare la conoscenza reciproca e lo scambio di esperienze tra le rispettive realtà corali.
Hanno individuato nel “Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise”, e nel paese di Pescasseroli che ne è sede, un centro nel quale convergere e organizzare iniziative di promozione e di formazione comuni rivolte ai cori amatoriali delle rispettive regioni. In conseguenza di ciò si è delineato un modello di “distretto corale” costituito dalle tre regioni nel quale attivare sinergie e progettualità che stimolino scambio delle esperienze e confronto, che sono fattori di crescita e sviluppo per il mondo corale amatoriale. Il progetto è stato denominato Vicini di Canto – Incontri corali interregionali nel Parco. Nel 2016 ha avuto luogo, il 17 luglio, a Pescasseroli, nel 2019 il 21 luglio a Pescocostanzo, nel Parco Nazionale della Maiella.

Un fermento di iniziative, come si può vedere, impegnative ma allo stesso tempo entusiasmanti soprattutto nella consapevolezza di operare per la diffusione di un ideale artistico e umano che trova sempre più appassionati cultori e sostenitori.

Alvaro Vatri

Roma –7 maggio 2020

La vita dell'ARCL ad oggi.

Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più . Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.